Sezioni

Ultime Notizie

Indizione Conferenza di Servizi Torrente Niccone

INDIZIONE CONFERENZA DI SERVIZI DECISORIA in forma semplificata e modalità...

Pubblicata Cartografia dei Terreni Vocati alla Tartuficoltura

 Si comunica che sono state pubblicate sul sito al sottostante link le carte...

Gualdo Tadino

Situata nella parte nord-orientale dell’Umbria, Gualdo Tadino sorge sul colle Sant’Angelo dominato dalla Rocca Flea ai confini con le Marche.
In un contesto ambientale di notevole interesse paesaggistico, la città è un attivo centro manifatturiero con una specializzazione nella produzione di ceramica artistica a lustro in oro e rubino. Per la sua secolare tradizione ceramistica aderisce all’Associazione Italiana Città della Ceramica (marchio nazionale “Ceramica Artistica e Tradizionale”).


Comune di Gualdo Tadino
075.915021
Sito internet: www.comunegualdotadino.it

Informazioni Turistiche
Ufficio Informazioni e Accoglienza Turistica - IAT del Comprensorio Gubbio-Alto Chaiscio
Via della Repubblica, 15 - 06024 Gubbio
Tel. 0759220693 - Fax 0759273409
info@iat.gubbio.pg.it



Ubicato ai piedi del monte Serra Santa, il sito dell’attuale Gualdo Tadino fu abitato sin da epoche remote. La fondazione del borgo si deve a un’antica comunità umbra; al tempo di Roma, Tadinum assurse da semplice prefettura allo status di municipio. Distrutto da Totila, l’insediamento risorse poi sul torrente Feo come nucleo benedettino chiamato in longobardo wald, (“bosco”), da cui il nome di Gualdo. Il definitivo trasferimento nel luogo attuale avvenne all’inizio del ‘200 ancora per opera dei benedettini. Divenuto libero Comune (1237) sotto la protezione di Federico II, fu cinto di mura e dotato della possente rocca.

Nella prima meta’ del XVI secolo la cittadina, per volere di papa Leone X, venne eletta legazione autonoma sotto il governo dei Cardinali Legati (1513-1587); rimase poi compresa nello Stato Pontificio, tranne brevi parentesi, sino all’Unita’ d’Italia. Nel prestigioso patrimonio artistico e architettonico di Gualdo Tadino si segnalano la cattedrale di S. Benedetto, del XIII secolo, con facciata gotico-romanica; la chiesa di S. Francesco (1315), con portale ogivale, grande croce dipinta (XIII secolo) e affresco della Dormitio Verginis (XVI secolo); la Rocca Flea, di origine altomedievale, ricostruita da Federico II.
La città conserva monumenti e collezioni di pregio. Sulla sommità del colle spicca la Rocca Flea, superbo esempio di architettura militare originariamente del XII secolo, ricostruita da Federico II nel 1247 e recentemente restaurata. All’interno si trova il Museo Civico con l’eccezionale polittico dell’Alunno, sculture, ceramiche antiche e reperti archeologici.
Tra gli edifici religiosi meritano una visita la cattedrale di San Benedetto (XIII secolo) con una splendida facciata romanico-gotica adornata da un bellissimo rosone, la chiesa di San Francesco, stupenda costruzione gotica decorata dalla mano di Matteo da Gualdo, pittore illustre di questa città, autore della Crocifissione e della Madonna col Bambino e San Francesco, e la chiesa di Santa Maria dei Raccomandati (XIII secolo), che all’interno conserva un pregevole trittico di Matteo da Gualdo, Madonna col Bambino e i Santi Sebastiano e Rocco.
Sulla piazza principale si affaccia il palazzo Comunale con una nobile facciata del XVIII secolo, ed il palazzo del Podestà, del quale rimane solo la torre Civica (XII secolo), alla quale furono addossati diversi edifici successivi.

Da visitare anche il Museo regionale dell'Emigrazione, pensato come luogo della memoria per dare non solo informazioni ma anche suggestioni ed emozioni.

Da Gualdo Tadino è interessante muoversi alla scoperta del territorio, ricco di un patrimonio artistico, architettonico e devozionale testimoniato da numerosi esempi di chiese e castelli. La chiesa di San Facondino (XI secolo, la più antica della città), con una possente torre campanaria, la chiesa di San Giovanni Battista a Grello, con affreschi di Matteo da Gualdo, la chiesa di Santa Maria del Soccorso a Rigali, i resti dell’antico Castello di Poggio Sant’Ercolano, rappresentano alcuni importanti esempi.

Nel vicino borgo fortificato di Pieve di Compresseto, nella chiesa romanica di Santa Maria, è conservata una serie di affreschi, alcuni dei quali della scuola di Matteo da Gualdo ed una pala d’altare di rara bellezza. Del Castello di San Pellegrino, posto a controllo della Flaminia e della strada per Gubbio, resta la possente torre e nella chiesa Parrocchiale di stile gotico sono conservati un polittico di Giovanni di Gerolamo da Camerino ed affreschi di Matteo da Gualdo.
A Caprara, leggendario luogo di sepoltura del re goto Totila, nella chiesa Parrocchiale sono conservati affreschi di Matteo da Gualdo.
Come arrivare
Da Nord: Autostrada A1, uscita Valdichiana. E45 direzione Perugia.
Da Sud: Autostrada A1, uscita Orte. S.S. 3 Flaminia fino a Gualdo Tadino.
Da Est: Autostrada Adriatica A14, uscita Falconara Marittima, S.S. della Val d’Esino fino a Fabriano e poi prendere la S.S.3 Flaminia.
Da Ovest: Superstrada E45 Cesena-Orte: attraversa longitudinalmente tutta l’Umbria. Prendere la S.S. 75 Centrale Umbra fino a Foligno e poi la S.S.3 fino a Gualdo Tadino.
Print Segnala su Facebook
< Torna all'indice

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X